gli artisti

 Augusto Masiello
Augusto Masiello è nato a Bari nel 1959 e ha cominciato la sua attività artistica nel '79 all'interno del Centro Universitario Teatrale della sua città. Dal 1987 è presidente della Cooperativa Kismet, mentre dal 1988 si occupa di progettazione e scambi con teatri e organismi culturali di Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera e Portogallo. Dal 1981 ad oggi ha preso parte a 23 produzioni del Teatro Kismet e di altri gruppi nazionali. Tra i suoi spettacoli ci sono allora "Cappuccetto rosso", "La tragica storia dell'imperatore Federico II di Svevia", "Pinocchio", "Giorgio e il drago" e "Doppio sogno", tutti diretti da Carlo Formigoni, "Uccelli" e "Miles" per la regia di Marco Martinelli, "Bella e Bestia" e "La regina delle nevi" di Teresa Ludovico. E ancora l'opera comica "Il principe porcaro", progetto della Fondazione lirico sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari in coproduzione con il Conservatorio "Piccinni" di Bari e il Teatro Kismet OperA. A febbraio del 2009 debutta nel nuovo spettacolo di Teresa Ludovico "Il malato immaginario ovvero le Molière imaginaire" nel quale interpreta Argante. Per il cinema collabora con i registi Alessandro Piva e Marco Di Robilant. A gennaio 2012 debutta nel nuovo spettacolo di Teresa Ludovico "Il paradosso del poliziotto e Tex Willer" su testi di Gianrico Carofiglio. Nel 2015 viene eletto coordinatore del Club Cultura di Confindustria Bari Bat. A ottobre 2015 è Abramo nell'omonimo spettacolo diretto da Teresa Ludovico su testo di Ermanno Bencivenga.

 

 Teresa Ludovico



La regista e autrice Teresa Ludovico è nata a Gioia del Colle (Ba). Dopo la laurea, ha compiuto un lungo percorso artistico sotto la guida di diversi maestri, in Italia e all’estero. Ha collaborato con il Teatro Koreja di Lecce in qualità di attrice. E stata assistente alla regia di Marco Martinelli e attrice in alcuni  suoi spettacoli. Si è avvicinata al teatro musicale scrivendo e interpretando, Medea, “Opera senza canto” del compositore Giovanni Tamborrino.
Dal 1993 fa parte del Teatro Kismet OperA di Bari e dal 1998 è regista stabile  per cui scrive e dirige gli spettacoli Nairice, Ecuba e i suoi figli, Bella e Bestia (premio Eti Stregagatto 2002),  Gilgameŝ,Il compagno di viaggio,La regina delle nevi, presentati in festival e teatri in Europa ed Asia. Per la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli,Teatro Kismet e conservatorio N. Piccinni cura la regia dell’Opera lirica Il principe porcaro di Nino Rota  diretta dal maestro  N. Scardicchio che riallestisce,  per  Birmingham Repertory Company e City of Birmingham Symphony Orchestra. E’voce recitante nel concerto dell’Orchestra Sinfonica del conservatorio N.Piccini di Bari   Peer Gynt  ,autrice dei testi e interprete del concerto teatrale In search of Simurgh, realizzato in collaborazione con i Radiodervish ,interprete e regista de Fairy queen di Olivier Cadiot e Niente di umano di M. N’Dyae nell’ambito della rassegna” Face a face” , regista e interprete de Le parole raccontano. Letture di scritti di Aldo Moro, regista dell’ opera lirica contemporanea Elia di G.Tamborrino, con testi di Enzo Quarto, per la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli, regista e voce recitante nell’opera La leggenda di Santa Cecilia di E. Chausson per il Collegium Musicum diretto dal M° Rino Marrone , regista e drammaturga de Il malato immaginario ovvero Le Molière imaginaire prodotto dal Teatro Kismet OperA e de La principessa Sirena.

Nel 2012 firma la regia de IL paradosso del poliziotto e Tex Willer  e La Manomissione delle Parole di Gianrico Carofiglio,  di Piccola Antigone e Cara Medea, di Antonio Tarantino, di cui  è anche interprete. Scrive e dirige Balbettio un progetto per la piccola infanzia e  cura l’adattamento e la regia di Vite spezzate. Nel 2013 cura la riscrittura e regia di I Was A Rat! di Philip Pullman coprodotto da Birmingham Repertory Theatre Company,Nottingham Playhouse Theatre Company, The New Wolsey Theatre, Ipswich e Teatro Kismet.
Nel 2014 cura la regia di Namur di Antonio Tarantino prodotto dal Teatro Kismet e del The BFG di Roald Dahl prodotto dal Birmingham Repertory Theatre, nel 2015 l’adattamento e la regia di Abramo di Ermanno Bencivenga prodotto dai Teatri di Bari. Inoltre dal 2002 collabora con il Setagaya Public Theatre ( Japan) e cura la regia e la drammaturgia di Yuki no Joou  e Ningyohime  .Nel  2008  per   Za Koenji Public Theatre di Tokyo firma regia e drammaturgia di   Tabi to Aitsu to Ohimesama  che nel 2011 vince il premio Jido Fukushi Bunka Sho come“ Migliore opera per le nuove generazioni “e nel 2016 firma testo e regia di Pinocchio.

Nel 2013 dalla Regione Puglia , Assessorato delle  Pari opportunità, riceve  il “ Premio Talento Donna – Puglia 2013 “ per il riconosciuto talento artistico nel campo della regia teatrale e della drammaturgia e per aver dato voce, nelle sue opere, al valore della differenza e dell’impegno delle donne”
Dal 2011 al 2014  cura la Direzione Artistica del Teatro Kismet OperA di Bari, e dal 2015 è condirettrice  artistica dei Teatri di Bari.




 Monica Contini
Monica Contini è nata a Bari nel 1959 ed è stata, nel 1981, tra le fondatrici della compagnia Teatro Kismet. Il suo percorso è iniziato nel '79 con il regista Carlo Formigoni, padre del Teatro del Sole di Milano nonché direttore della "Scuola di formazione dell'attore". Ed è stato lo stesso Formigoni ha dirigerla in diversi spettacoli del Kismet tra cui "Doppio sogno" dell'81, "Aladino" dell'87 e "Cappuccetto rosso" Premio Stregagatto nel '90. Tra gli altri ha lavorato con Marco Martinelli per un "Uccelli" del '94, Teresa Ludovico in "Ecuba e i suoi figli" e in "Bella e Bestia" Premio Stregagatto nel 2002 e nel 2005 con il giovane pugliese Mariano Dammacco che l'ha diretta nel monologo "La nostra anima".
Del 2006 è l'altra produzione del Kismet "Storie di Streghe", mentre al festival Maggio all'Infanzia 2008 debuttà con "Il gatto e gli stivali": per entrambi la regia è di Lucia Zotti. A giugno 2009 è protagonista, insieme con Deianira Dragone, di "Bones", lavoro della Zotti dedicato ai temi dell'alimentazione e della chirurgia estetica, presentato al festival di Napoli nell'ambito dell'ampio progetto "Parole per la terra". A maggio 2010 ha debuttato con lo spettacolo produzione Kismet "Il viaggio di Arjiun", di cui è interprete e autrice insieme con Lucia Zotti. Per il cinema ha lavorato, di recente, con Alessandro di Robilant in "Mar Piccolo" e con Riky Tognazzi nella fiction "Mia madre". A novembre 2011 debutta nello spettacolo per ragazzi del Kismet "La principessa sul pisello" diretto da Lucia Zotti e nel 2013, sempre per la regia di Lucia Zotti, presenta "Badù Re, anzi Leone".


 Lello Tedeschi
Lello Tedeschi è nato a Bari nel 1960 e si è laureato in Discipline delle Arti Musica e Spettacolo all'Università di Bologna. Dal 1991 lavora stabilmente presso il Teatro Kismet OperA, dove sviluppa l'attuale attività di formatore, drammaturgo e regista. Come formatore conduce seminari e laboratori dedicati al lavoro dello spettatore, alla drammaturgia, alla pratica di scena, rivolti a tutti o a specifici contesti educativi quali scuole, università, carceri e situazioni di svantaggio. La sua esperienza di drammaturgo l'ha visto, tra le altre cose accanto al regista Enzo Toma (Vangelio nel '95 e Macchabèe nel '98, prodotti nell'ambito del progetto "Teatro e Handicap" e Falsa testimonianza nel'99, prodotto nell'istituto minorile "Fornelli" di Bari) e a Teresa Ludovico (Il vecchio Alex nel '95 e Peter Pan nel '97). Tra gli spettacoli di cui ha curato la regia ci sono Asterione, Iliade, Ikaro e Prima dell'ultima battaglia (coproduzione Teatro Kismet OperA - Crest).


 Rossana Farinati
Rossana Farinati nasce a Belluno nel 1961
Dal 1980 al 1982 frequenta a Bologna la Scuola di Teatro di Alessandra Galante Garrone, impostata sulla pedagogia di Jacques Lecoq e alla fine questa raggiunge il Teatro Kismet a Bari, guidato dal regista Carlo Formigoni.
Partecipa in quel periodo come attrice agli spettacoli per ragazzi Cenere, Cappuccetto Rosso, Giorgio il drago e alle produzioni rivolte ad un pubblico adulto, La tragica storia di Federico II di Svevia e Amleto, tutti allestiti con la regia di Formigoni.
Successivamente, tappe importanti per la sua formazione sono stati gli incontri con Alain Maratrat, attore di Peter Brook, con il quale la compagnia Kismet ha messo in scena nel 1989 lo spettacolo Liliom di Ferenc Molnar e, nel 1996, l'incontro con l'autore e regista Marco Martinelli del Teatro Le Albe di Ravenna per la creazione dello spettacolo Miles tratto dal Miles gloriosus di Plauto.
Nel 1998 l'incontro con la poetica di Laurent Dupont, attore e regista in quel periodo nel Teatro Tam di Padova, segna un passaggio fondamentale nella ricerca di Rossana Farinati perché le permette di addentrarsi nell'universo del teatro per la piccola infanzia. Piccoli misteri, spettacolo sul pane con la regia di Dupont, dopo una lunga tournée in Francia e in Italia vince nel 2000 il Premio Stregagatto (premio nazionale per la miglior produzione di teatro ragazzi italiano). A seguito di questo riscontro inizia una lunga ricerca sul tema dell' "origine" per giungere, nel 2003, alla creazione di Che accada! di cui è autrice ed attrice.
Il suo interesse per l'infanzia e per le domande artistiche che questo pubblico pone, la porta ad aderire con grande interesse al progetto internazionale "Age to age" in qualità di coordinatrice e regista dello spettacolo "Attraverso il bosco/ Through the woods/ A travers les bois". Lo spettacolo debutta a Birmingham nel settembre 2004. Nel 2007, comincia un percorso dedicato all'adolescenza, i cui esiti si ritrovano nello spettacolo "In tumulto. Nei moti dell'adolescenza" (produzione Kismet) che dopo il debutto al "Maggio all'Infanzia" del 2008, viene proposto in diverse scuole della città di Bari nella formula della residenza.
Inoltre dalla stagione 2008/2009 conduce il laboratorio teatrale per adolescenti e cura il progetto "I linguaggi dell'intergrazione teatrale".
Dallo spettacolo "In tumulto" è nato l'omonimo libro, fatto dei racconti di Francesco Marocco e delle fotografie di Valentina Vetturi. Il libro è uscito a settembre 2009 per le edizioni la meridiana.


 Lucia Zotti
Nata a Bari il 07/02/1937.
1953 Viene assunta come attrice giovane nella compagnia di teatro stabile di prosa del teatro comunale Piccinni di Bari, diretta da Paola Borboni che la vede impegnata in  "Nozze di sangue" di Federico Garcia Lorca con la regia di  Anton Giulio Bragaglia;   "La morale della signora Dulska" premio S. Genesio per la protagonista e regista Paola Borboni.
1954 lavora per la Rai di Bari come attrice e cantante in varie trasmissioni nella rete locale e nazionale.
1976  Presta la voce come doppiatrice alla protagonista del film  "Brutti, sporchi e cattivi" di E. Scola, 1997ricopre il ruolo della direttrice  nel film  "Le acrobate" di Silvio Soldini,
2001 quello  della ‘donna dell'olio' ne "I cavalieri dell'impresa impossibile" di Pupi Avati
2006 della zia di Elizabeth nel film Nativity con la regia di Catherine Hardwicke.  
1979  organizza e partecipa al corso di formazione dell'attore condotto da Carlo Formigoni; da Michel Seigner sull'improvvisazione musicale, da Matthew Burton sulla figura del clown, Da Hugo Suarez sul Mimo;  da Gigi Dall'Aglio sulla figura del satiro nella mitologia greca e da Iva Formigoni sull'uso della voce.
E' protagonista negli spettacoli  "Doppio sogno" "Amore e psiche" "Storia di Peppì" "Cappuccetto Rosso" "Aladino" "Amleto" "La tragica storia dell'imperatore FedericoII" di C. Formigoni, "Uccelli" e "Miles ovvero l'ultima cena del soldato" di Marco Martinelli, "Bella e bestia", "Ecuba e i suoi figli", "Racconti nei musei" e "Gilgames" di Teresa Ludovico. "Attraverso il Bosco" di Rossana Farinati.
2006, Firma come regista le produzioni Kismet "Storie di streghe"
2008 "Il gatto e gli stivali" e "Bones" nel  progetto "Parole per la terra" presentato al Napoli teatro festival.
2010 Debutta al festival "Maggio all'Infanzia"  con lo spettacolo "Il viaggio di Arjiun" di cui è interprete, autrice e regista. 
2011 2012 presenta la produzione  Kismet  ‘La principessa sul pisello, ovvero storia di una falsa principessa e di un principe rockettaro' di cui è autrice e regista. Autrice e regista lo è poi anche per "Badù Re, anzi Leone" che debutta, prodotto dal Kismet, nel 2013.

Vincent Longuemare
Nasce a Dieppe, in Francia, nel 1961. Dopo gli studi universitari condotti presso l'Université Histoire/Géographie di Rouen e Parigi parallelamente a quelli di parallèles théoriques de Theatre /Studia teatro a Paris VIII, Vincent Longuemare viene ammesso all'Institut National Superieur Des Arts(insas) di Brussels, sezione teatro. Risale a quel periodo la partecipazione a numerosi stage e la collaborazione, tra gli altri, con registi quali Philippe Sireuil, Michel Dezoteux, Jean-claude Berrutti. Nel 1987 è titolare di una borsa di studio dal Ministero della Cultura francese.
Collabora a più riprese come assistente alla regia al fianco di Robert Altman. Dal 1987 al 1989 fa parte de "L'atelier théâtral de Louvain La Neuve" diretto da Armand Delcampe; ne nascono la regolare collaborazione con Josef Svoboda e i primi progetti luci.
Nel 1992 è chiamato da Patrick De Laender come direttore tecnico della compagnia di Thierry Salmon  che seguirà anche come disegnatore luci. Scopre con Salmon un teatro è un modo di sperimentare e frequentare la vita attraverso il teatro stesso, un mezzo per educare il proprio sguardo e la propria coscienza. Con Salmon approda nel 1992  in Italia, e vi si trasferisce nel 1996, il suo sguardo si dirige verso il teatro e la danza contemporanei, lavorando con artisti e compagnie come La Sosta Palmizi, Il Teatro delle Albe di Marco Martinelli, la compagnia Italo/Ceca Deja-Donnè, il Teatro Kismet OperA, Marco Baliani, tutte collaborazioni ormai decennali con compagnie dalle grandi intuizioni teatrali che vengono molto apprezzate all'estero.
Il suo sguardo si dirige verso il teatro e la danza contemporanea, artisti e compagnie come La Sosta Palmizi, Il Teatro delle Albe di Marco Martinelli, la compagnia Italo/Ceca Deja-Donnè, il Teatro Kismet OperA, Marco Baliani, Giorgio Barberio Corsetti collaborazioni ormai decennale, compagnie di grandi intuizioni teatrali e respiro internazionale, che contribuiscono a presentare e produrre il proprio lavoro in Giappone, Stati Uniti, attraversando l'Europa.
Percorsi espressivi recenti sono quelli che si inseriscono nel solco dell'illuminazione architetturale (Convento Barocco di Melpignano, Giardini privati, alberghi) e nell'opera lirica, per la quale ha collaborato con Daniele Abbado, Mietta Corli, Ravenna festival.
Nel 2008 vince il Premio Ubu per il lavoro svolto negli anni con il Teatro delle Albe. Nel 2009 firma le luci delle due nuove produzioni di Teresa Ludovico: "Il malato immaginario ovvero le Molière imaginaire" (in questo caso anche la scenografia è sua) e "La principessa Sirena".


Collaborano con noi [leggi]

Teatro Kismet OperA
Strada San Giorgio Martire 22/f - 70123 Bari
tel +39.080.5797667 | fax +39.080.5749228 | email: info@teatrokismet.it
www.teatrokismet.org
2009-2015 credits